gototopgototop

Maurizio Artusi
Bio in Sicily in... giallo limonePDFStampaE-mail
Lunedì 24 Luglio 2023 10:06
Scritto da Maurizio Artusi


Vai a: aggiornamenti, valutazioni, schede, indirizzi e riferimenti dell'articolo

Bio in Sicily 2023 001Il Limone Verdello, anch'esso oggetto di IGPL'edizione 2023 di Bio in Sicily è iniziata il 17 Luglio a Bagheria (PA), con un convegno sulla IGP del Limone della Conca d'Oro a Palazzo Butera, continuando poi presso la Fondazione Trigona, sede del Gal Metropoli Est, ottima occasione per una cena in terrazza insieme al Ristorante Limu, la Trattoria Da Dario, Maurone Brace Primordiale, l'Antica Focacceria dal 1856, il Panifico Conti, l'Antica Forneria Scaduto, U BaruniedduAmari Siciliani e con la presenza dello chef Mario Ciulla di Granofino appositamente arrivato per l'occasione da Agrigento. Il secondo giorno si è aperto con un press tour che ha toccato le aziende Birra dei Vespri di Altavilla Milicia, che prossimamente si sposterà a Bagheria in ambienti più grandi, Agriturismo Villa Cefalà, oggi gestito dalla famiglia Scaduto, che si trova all'interno del Comune di Santa Flavia, “U Barunieddu” del giovane imprenditore bagherese Giuseppe Buttitta, chef che ha spostato la sua passione da quella per i fornelli a quella delle conserve. I due giorni sono stati chiusi da un pranzo al Ristorante LIMU di Bagheria ideato e condotto dallo Chef Nino Ferreri, recentemente insignito di una stella Michelin, ma Bio in Sicily 2023, come vedremo più avanti, non è finito qui...

Il già citato convegno iniziale ha visto numerosi interventi moderati da Nino Amadore, redattore del Sole 24 Ore: Antonio Fricano, Presidente Associazione per la registrazione della IGP "Limone della Conca d'Oro", Michele Balistreri, Presidente dell'associazione "La Piana d'Oro", Adalberto Catanzaro, Presidente della Condotta Slow Food di Bagheria, Salvatore Tosi, Direttore Gal Metropoli Est, Filippo Tripoli, Sindaco di Bagheria, Mario Cicero, Sindaco di Castelbuono, Salvatore Fiore, Presidente dell'Ordine dei dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Palermo e i sindaci del comprensorio bagherese, Giuseppe D'Agostino, Giovanni Giallombardo, Giovanni Di Giacinto e Pino Virga nonchè Dario Cartabellotta, Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura della Regione Siciliana. Francesco Sottile, Docente Ordinario UNIPA, Alessandro Agnello, Agronomo incaricato della redazione del progetto di riconoscimento "IGP del Limone della Conca d'Oro", Domenico Targia, Direttore Parco Archeologico Solunto-Himera-Monte Jato, Davide Piacentino, Docente Ordinario UNIPA e Vincenzo Lo Meo, Agronomo e agrumicoltore.

Gli interventi, tutti incentrati sullo sviluppo dell'area e sulla IGP del Limone della Conca d'Oro hanno visto Dario Cartabellotta che ha raccontato di Sicilia, di siciliani e soprattutto di limoni. Molto interessante è stata la posizione di Filippo Tripoli, Sindaco di Bagheria, in merito alla realizzazione di una scuola di enogastronomia sul territorio, idea non nuova, ma che è sempre naufragata, l'ultima che ricordo fu di Giovanni Avanti circa 10 anni fa, al tempo della sua presidenza alla Provincia di Palermo, il quale aveva persino identificato la struttura ospitante nell'abbandonato Hotel Milocca ed eseguito anche i sopralluoghi prima che la Regione Sicilia abolisse il suo ente. Mario Cicero, invece, Sindaco di Castelbuono, ha plaudito all'alleanza tra i due territori di Bagheria e Castelbuono, raccomandando di puntare sulla qualità dei prodotti, infatti la principale novità di questa edizione di Bio in Sicily è stata proprio la collaborazione che vede il territorio esteso di una cittadina di mare unita con un più piccolo comune montano. Infine, Vincenzo Lo Meo, da agrumicoltore ha espresso grandi speranze sull'IGP, confidando in una maggiore remunerazione per ettaro delle colture del limone.

Questa edizione di Bio in Sicily, in forza della nuova alleanza tra territori, si è quindi chiusa il 22 Luglio a Castelbuono, ma guarda inequivocabilmente all'IGP del Limone, un frutto simbolo della Sicilia che ha già avuto diversi riconoscimenti di provenienza in altre aree della regione, ma a cui speriamo presto si aggiungerà anche quella della Conca d'Oro, prodotto che oggi ha quasi tutti i numeri che le servono per bissare il successo dell'Arancia di Ribera che amo condensare nelle mie tre "C", la prima è infatti quella della Cooperazione, esiste già l'Associazione A.P.O. Sicilia costituita da produttori promotori della IGP e presieduta da Antonio Fricano, destinatario tra l'altro del premio Bio in Siciliy 2023. La seconda "C" è quella della Certificazione, in questo caso costituita dall'IGP già richiesta e in corso di autorizzazione, ma bisognerà non sottovalutare e porre molta attenzione all'ultima "C", quella della Comunicazione, perchè si può avere il miglior prodotto del mondo, ma a che serve economicamente se non se ne fanno conoscere le particolari peculiarità ai consumatori fornendo così un ulteriore valore aggiunto al prodotto? Qui di seguito il consueto video con l'intervista a Michele Balistreri, in doppia veste di Direttore di AllFoodSicily.it e Presidente dell'Associazione Piana D'Oro, due "facilitatori di territorio", ma anche tante immagini e foto dei due giorni trascorsi a Bagheria

 

L'abbigliamento di Maurizio Artusi è a cura del Ricamificio La Nuvola di Palermo

 

2023-07-17 e 18 Bio in Sicily
ALBUM E DOWNLOAD FOTO

 


ATTENZIONE: l'attività di recensione è svolta a titolo completamente gratuito, la selezione delle aziende da recensire è effettuata tramite personale scoperta o anche su segnalazione di terzi e si pone l'obiettivo di far risaltare e promuovere coloro che si impegnano più di altri nell'offrire un prodotto alimentare genuino e/o salutare. Per salvaguardare questa indipendenza puoi contribuire seguendomi sui social o tramite Paypal.



Valutazione CucinArtusi.it in "artusini":




Schede e indirizzi utili:


    Tags:

     

    Su questo sito web si può liberamente leggere
    e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
    ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
    non rubate per rispetto del lavoro altrui,
    non rubate perchè perdereste l'onestà,
    non rubate perchè diventereste dei ladri,
    non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
    non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
    non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
    e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
    -------
    Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
    del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
    E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
    Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
    libere opinioni dell'autore delle stesse.

    Licenza Creative Commons
    CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

     

    paypal newsletter

    Canale Telegram Canale WhatsApp width=

    Cerca produttori

    4 giorni, 10 ore fino all'evento:
    Vecchie Annate del trapanese (19/04/2024)

    Foto dalle ricette

     
    image   image   image   image   image