gototopgototop

Maria Antonietta Pioppo
Piatto regale... con vinoPDFStampaE-mail
Mercoledì 13 Aprile 2011 00:52
Scritto da Maria Antonietta Pioppo


Vai a: aggiornamenti, valutazioni, schede, indirizzi e riferimenti dell'articolo

sabbiataGli abbinamenti hanno delle regole ben precise, vengono fatti per concordanza o per contrapposizione, ma in tutti i casi, è sempre il nostro palato a fare da “giudice”. Con la seguente ricetta vi proporrò un vino proveniente da un vitigno autoctono, ovvero il Cataratto.

Il Catarratto è stato, negli ultimi anni, rivalorizzato da alcune aziende siciliane che ne hanno fatto il loro vino di punta, come la cantina Castellucci Miano che lo ha nominato Shiarà. Di colore giallo paglierino, questo vino, richiama dei sentori che vanno dalla frutta esotica alle note floreali. Al palato ritornano i sentori olfattivi, equilibrati da una certa sapidità, con un risultato elegante e allo stesso tempo persistente. Un vino dal carattere deciso e intenso. Tutto ciò per dirvi che a un vino di carattere deve abbinarsi un piatto di altrettanto carattere: e cosa c'è di meglio di un pietanza che ha fatto “leccare i baffi” al Re di Spagna?

La ricetta che voglio abbinare allo Shiarà è la pasta così detta “Sabbiata”, realizzata in occasione della visita del Re di Spagna in Sicilia.

Ingredienti:

pasta: 350 gr. di bavette
pesce spada: 300 gr
pomodoro ciliegino: n. 6
indivia: 3 foglie
pan grattato: n. 5 cucchiai da tavola
pinoli: 1 bustina
uvetta: 1 bustina
aglio: uno spicchio oppure (3 gambi di  cipolletta scalogno)
sale: q.b.
pepe: q. b.
curry: una spolverata

Procedimento:

tagliate a dadini il pesce spada crudo e ponetelo in una padella con olio caldo e uno spicchio d’aglio o scalogno. Fate cuocere e nel frattempo andate schiacciando con la forchetta, fino a cottura ultimata. Contemporaneamente ponete i pomodorini, lavati e tagliati in due, in un’altra padella con un pò d’olio e fateli saltare pere un pò. Quando saranno diventati morbidi, potete spengnere il fuoco. In un’altra padellina a parte fate saltare l’indivia con un filo d’olio. Ancora a parte, fate tostare il pan grattato girando di tanto in tanto.

A questo punto scolate la pasta qualche minuto prima per maneggiarla, aggiungete il pesce ”insabbiato”, i pomodorini, l’indivia e completate con uvetta e pinoli, una manciata di pepe e una spolverata di curry.

A questo punto il piatto è pronto per ricevere l'ultimo tocco, il pan grattato tostato che insieme al pesce spada schiacciato dà proprio l’idea di sabbia (da qui il nome “sabbiata”).

Oltre al Cataratto, altri due vini si potrebbero, secondo me, abbinare con successo al piatto in questione. Il primo è il Pascal Jolivet Pouilly-Fume, il cui vitigno alloctono, il Sauvignon Blanc, trova in esso la sua migliore espressione. Ci troviamo nella Valle della Loira, dove il terreno calcareo ha parte preponderante. Al naso, risaltano le note  di ortica e il sentore del Sauvignon Blanc per eccellenza: la pipì di gatto. Inoltre, il particolare terreno della zona, esalta i sentori di pietra focaia, da qui anche il nome Fumè, indicativo poichè richiama l'odore di affumicato. L'altro vino abbinabile è il Kados, Grillo in purezza della cantina Duca di Salaparuta, che richiama sentori floreali e fruttati, in particolare susine gialle, profumi che vengono esaltati da alcune note speziate.



 



Valutazione CucinArtusi.it in "artusini":




Schede e indirizzi utili:


    Tags:

     

    Su questo sito web si può liberamente leggere
    e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
    ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
    non rubate per rispetto del lavoro altrui,
    non rubate perchè perdereste l'onestà,
    non rubate perchè diventereste dei ladri,
    non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
    non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
    non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
    e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
    -------
    Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
    del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
    E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
    Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
    libere opinioni dell'autore delle stesse.

    Licenza Creative Commons
    CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

    Facebook

    Twitter

    YouTube

    Cerca produttori

    Il video di CucinArtusi.it