gototopgototop
                                                    RSS Feed RSS

newsletter


Maurizio Artusi
Pizzeria Alla BottePDFStampaE-mail
Venerdì 30 Agosto 2013 10:08
Scritto da Maurizio Artusi

PizzeriaAllaBotte 1Marzia,Antonella,Federica,Giuseppe Vitrano e Andrea Pizza buona si può

Il paese di Misilmeri, distante da Palermo pochissimi chilometri, è probabilmente il paese delle pizzerie, con circa 28.000 abitati conta più di 20 locali, da asporto o con i tavoli, e ben due che praticano maturazione dell'impasto. Uno di questi è la Pizzeria Alla Botte, da me visitato lo scorso 23 Agosto 2013, gestito da Giuseppe Vitrano e famiglia, pizzaiolo e titolare del locale.  Le tre donne di casa Vitrano, le figlie Federica e Marzia e la moglie Antonella, accolgono i clienti e si occupano di cassa e sala, mentre in pizzeria Giuseppe è aiutato dal giovane Andrea Rizzolo. Nell'ormai lontano 1991, Giuseppe, essendo proprietario del locale dove attualmente è ubicata la pizzeria, convinse il cognato Emanuele Passantino, pizzaiolo di professione, ad aprire l'attuale attività, che però poi abbandonò la società dopo solo quattro anni. Nonostante l'iniziale inesperienza di Giuseppe, trasformatosi in pizzaiolo per l'occasione, il locale è cresciuto fino ad arrivare alla svolta di circa un'anno fa: la maturazione dell'impasto. Giuseppe Vitrano, ormai da anni, desiderava capire cosa avveniva durante la lievitazione, ma le riviste e la letteratura di settore non erano abbastanza esplicative, i corsi per pizzaioli, invece, erano per lui sempre inaccessibili a causa della distanza che separava le sedi degli stessi da Misilmeri. La soluzione è arrivata associandosi alla F.I.P. (Federazione Italiana Pizzaioli), dove la conoscenza con Giuseppe D'Angelo ed i corsi da lui periodicamente organizzati, hanno risolto i problemi del nostro "pizzaiolo curioso". Oggi Alla Botte si può gustare un'ottima pizza, ben maturata e condita con un'ottimo fiordilatte, ma soprattutto, adesso, Giuseppe Vitrano sa cosa accade durante i processi di lievitazione, potendo così gestire al meglio il suo lavoro, risparmiando tempo e impasto, ma soprattutto offrendo ai suoi clienti un prodotto di elevata qualità nutrizionale e molto più salutare.

 

Il parere dell'enogastronomo (Maurizio Artusi)

L'aspetto della margherita di Giuseppe Vitrano era tra i più classici, con un bordo ben pronunciato, ma la sorpresa è arrivata durante l'assaggio, infatti l'interno era ben alveolato, ben cotto, asciutto e si scioglieva in bocca, merito non solo della maturazione, che nel mio caso era di 72 ore, ma anche di un sapiente uso del forno a legna. I profumi dell'impasto erano in linea con le farine utilizzate, un blend classico all' 85% di altamente proteica e 15% di.... Russello molito a pietra! Si, perchè Giuseppe, dal lunedì al venerdi, aggiunge all'impasto standard un pò di farina di grani duri antichi siciliani moliti a pietra, alternando la Tumminia al Russello, mentre il sabato e la domenica utilizza il 20% di una buona semola rimacinata. Il profumo del Russello riusciva a migliorare il classico odore del lievito secco utilizzato, a me di solito non gradito, che in questo caso non lasciava quasi traccia di se. Ottimo il fiordilatte campano spezzato a mano sulla pizza, da me incontrato in locali ben più costosi. Riepilogando, il locale offre due impasti, quello standard, come già detto con aggiunta di semola di tipologia variabile in base al giorno, e quello senza glutine per celiaci.

Attenzione però, Alla Botte si preparano numerose familiari che, per ovvi motivi di costi, non seguono le stesse linee guida delle pizze. Si tratta però sempre di impasti maturati almeno 48 ore, ma in cui viene utilizzata come aggiunta solo la semola di rimacino e come mozzarella un filone di nota marca locale.

 

PizzeriaAllaBotte 2La margherita Alla BotteConclusioni

L'ambiente Alla Botte si presenta molto rustico e un pò datato, ma è accogliente, pulito e ben tenuto, punto di grande forza è comunque l'ottimo impasto e la mozzarella utilizzata. I prezzi sono ridotti al minimo, merito di una conduzione prettamente familiare e dalla proprietà dei locali, la pizza più costosa, escludendo le familiari, arriva infatti ai... 5 Euro! Questo è stato il mio conto:

1 margherita: 3,50 Euro
1 minerale 1,5 Lt: 1,50 Euro
1 coperto: 1,00 Euro

Quindi, se Giuseppe Vitrano non mi avesse offerto la pizza, per due margherite avrei speso 10,50 Euro, un prezzo assolutamente conveniente, che non penso possa durare per molto, con un rapporto qualità prezzo straordinario. Pertanto, considerando l'ambiente, l'offerta di più impasti, l'introduzione di farine molite a pietra, l'assenza di birre artigianali la valutazione assegnata è di 3 "artusini", con i miei complimenti per l'ottimo impasto.

ALBUM: 2013-08-23 Pizzeria Alla Botte
Loading...


 



Valutazione CucinArtusi.it:




Schede e indirizzi utili:


Tags:

 

Su questo sito web si può liberamente leggere
e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
non rubate per rispetto del lavoro altrui,
non rubate perchè perdereste l'onestà,
non rubate perchè diventereste dei ladri,
non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
-------
Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
libere opinioni dell'autore delle stesse.

Licenza Creative Commons
CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

Cerca produttori

Il video di CucinArtusi.it


Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId