gototopgototop

Maurizio Artusi
Eventuno, prima rassegna delle bollicine sicilianePDFStampaE-mail
Mercoledì 23 Gennaio 2013 01:54
Scritto da Maurizio Artusi


Vai a: aggiornamenti, valutazioni, schede, indirizzi e riferimenti dell'articolo

Eventuno2013 1Marcello Clausi,direttore di Cult,con Santi BuzzottaNel comparto agroalimentare, di idee interessanti ce ne sono poche, una ultimamente mi ha colpito in modo particolare. Essa ha coniugato la promozione del territorio, la comunicazione coi consumatori ed ha cavalcato un comparto, quello delle bollicine, che sta dando frutti interessanti alle cantine che stanno investendo su di esso. L'idea era quella di creare una mostra di sole bollicine siciliane, promuovendo così la Sicilia, ma anche comunicando efficacemente al consumatore che sull'isola esistono diversi produttori, più dei 21 coinvolti per l'occasione, e che producono spumanti a volte molto differenti tra loro, rappresentando così le diversità pedoclimatiche ed ampelografiche che tanto caratterizzano l'isola. Eventuno, svoltosi lo scorso 21 Gennaio 2013, presso i saloni del Grand Hotel des Palmes di Via Roma a Palermo, è stato ideato ed organizzato da Santi Buzzotta, titolare dell'agenzia Verissima Wines & Emotions, operante con passione nel campo della rappresentanza e consulenza vinicole ormai da anni e quindi profondo conoscitore del settore.

Eventuno2013 2Emanuele Russo, Chef de Le Lumie di MarsalaNei tavoli allestiti nella "Sala degli Specchi" di uno dei più famosi hotel palermitani, in circa 50 etichette, è stata rappresentata la Sicilia delle diversità. Oltre ai classici Chardonnay e Pinot Nero, hanno fatto bella mostra di se i vitigni autoctoni che più ci identificano, nomi come Carricante, Catarratto, Grecanico, Grillo, Inzolia, Inzolia rosa, Malvasia, Zibibbo, Frappato, Nero d’Avola, Nerello Mascalese e così via; essi hanno deliziato i palati con una netta predominanza del metodo classico rispetto allo charmat, segno che chi ha deciso di entrare nel settore, lo sta facendo seriamente, con investimenti non indifferenti, a volte in punta di piedi con poche migliaia di bottiglie, anche se ancora con una qualità certamente non paragonabile con la vocatissima regione italiana del Franciacorta, tuttavia risoluta nel voler cercare una strada per imporre la propria identità: da qualche parte bisognerà pur iniziare!

Queste le 16 aziende, ognuna col proprio numero di tavolo,  presenti all'appello:

1. Castellucci Miano
2. Donnafugata
3. Duca di Salaparuta
4. Firriato

5. Florio
6. Funaro
7. Lanzara
8. Maggio
9. Patria
10. Planeta

11. Scammacca del Murgo
12. Tasca d'Almerita
13. Tenuta Ghorgi Tondi
14. Terre della Baronia - Milazzo
15. Terzavia
16. Virgona

Le aziende Antichi Vinai, Arianna Occhipinti, Avide, Barone di Villagrande, Benenti, Fazio Wines, Mandraffino, Miceli, Ottoventi, Principe di Corleone, Pupillo e Terrazze dell'Etna, pur avendo accolto con favore l'iniziativa, non sono riusciti ad essere presenti.

Eventuno2013 3Un momento gastronomicoIn mezzo a tutte queste bollicine non potevano mancare alcuni momenti di intermezzo gastronomico, infatti, nel salone attiguo alla mostra, i finger food dell'hotel e alcuni prodotti da forno offerti dalla Forneria Messina di San Martino delle Scale (PA) e dal Panificio/biscottificio Tuttoilmondo di via Nunzio Morello (PA), hanno deliziato gli occhi, ma soprattutto i palati dei degustatori.

Stavolta, però, non vi racconterò cosa mi è piaciuto di più, era una grande festa delle bollicine, non una classifica con preferenza, certo, qualche etichetta ha spiccato per complessità di profumi e sapori, ma come capita spesso grazie ad un impegno maggiore sul fronte degli investimenti.

In conclusione, bravo Santi Buzzotta per la sua idea di promozione e brave le cantine siciliane, esse hanno iniziato una nuova avventura che se ben condotta sono sicuro che ci distinguerà sul mercato mondiale delle bollicine, come è già avvenuto con tanti prodotti dell'agroalimentare siciliano.

 

 



Valutazione CucinArtusi.it in "artusini":




Schede e indirizzi utili:


    Tags:

     

    Su questo sito web si può liberamente leggere
    e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
    ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
    non rubate per rispetto del lavoro altrui,
    non rubate perchè perdereste l'onestà,
    non rubate perchè diventereste dei ladri,
    non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
    non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
    non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
    e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
    -------
    Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
    del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
    E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
    Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
    libere opinioni dell'autore delle stesse.

    Licenza Creative Commons
    CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

     

    Cerca produttori