gototopgototop

Laura Case
Ad Alia il Presepe DiVino di Laura CasePDFStampaE-mail
Giovedì 26 Dicembre 2013 19:00
Scritto da Laura Case


Vai a: aggiornamenti, valutazioni, schede, indirizzi e riferimenti dell'articolo

PresepeDiVino 01L’idea del Presepe DiVino nasce nell’ambito della terza edizione di Presepolis, la mostra concorso organizzata nel Comune di Alia dai ragazzi dell’Associazione Generazione Sicilia, un gruppo di amici animati dalla convinzione che il nostro territorio, così ricco di tradizioni, può essere comunicato in modo nuovo ed originale, se si offre ai giovani il giusto contesto per farlo. Ed è da questa riflessione che, in modo quasi goliardico, da un gioco di parole, è nata l’idea di realizzare qualcosa che coniugasse una usanza che appartiene all’ infanzia di ciascuno di noi, quella del presepe, con la mia smisurata passione per un illustre prodotto: il vino.

Nell'Antico Testamento il vino era considerato il simbolo di tutti i doni provenienti da Dio, la bevanda della vita che sa donare consolazione e gioia e curare la sofferenza dell'uomo. Nella celebrazione dell’Eucaristia, poi, si realizza la fusione di Dio e degli uomini attraverso la comunione con il corpo e il sangue di Cristo sotto le sembianze del pane e del vino. Il vino, dunque, non è soltanto bevanda che spegne la sete, è qualcosa di più: è anche la bevanda della gioia, della vita, della festa.

Animata, dunque, dallo “spirito” giusto ho iniziato a cercare il coinvolgimento di alcune aziende vitivinicole ed enoteche siciliane, le quali, nonostante i tempi piuttosto ristretti per la raccolta dei materiali, hanno mostrato entusiasmo e viva partecipazione cogliendo in pieno lo spirito di questa iniziativa. Nel realizzare il Presepe DiVino ho cercato di utilizzare prevalentemente materiali di riciclo come tappi di sughero usati, scatole di legno, cartoni e diversi “strumenti del mestiere” in mio possesso, in quanto Sommelier, cornice ideale per i veri protagonisti della scena, i personaggi, ossia le bottiglie.

PresepeDiVino 02Laura Case e la collaIl filo conduttore in questo gioco di metafore è stato, naturalmente, lo Spirito, inteso anche come voluta goliardica leggerezza nello scegliere i soggetti giocando con i nomi delle etichette, usando il tastevin, simbolo dell’Associazione Italiana Sommelier, come stella cometa, nel pensare ad un pozzo da cui sgorga vino piuttosto che acqua o ancora ai vestiti più adatti per ciascuna bottiglia. Due mesi di raccolta materiali, cinque giorni per costruire ed ambientare la scena, notti allegramente insonni e svariate ustioni da colla a caldo sulle dita…ma tanta soddisfazione per il risultato finale che non è che l’incipit di un racconto che vuole, con fantasia, continuare ad inventarsi narrando le bellezze della nostra terra.

In una congiuntura storica particolare come quella attuale, infatti, in cui la crisi nega ai giovani opportunità di realizzazione professionale erodendo interi comparti di produzione è necessario più che mai creare le giuste sinergie tra le risorse di cui disponiamo, la nostra creatività, ed un settore quale quello dell’agroalimentare ad oggi in grado di resistere alla crisi, e, come tale, bisognoso di essere tutelato e valorizzato.

Lo scopo, dunque, non è solo realizzare una vetrina augurale sempre più grande per i numerosi prodotti che meritano nuovi spazi e nuove voci per essere conosciuti e comunicati ma lanciare al contempo un messaggio positivo, quello che la Sicilia può e deve essere promossa, contro ogni individualismo, nello spirito di una crescente collaborazione che può tradursi concretamente in nuove opportunità di sviluppo a 360°.

PresepeDiVino 03I tappi di sughero: ottimi materiali!Il mio doveroso ringraziamento va a tutte le aziende vitivinicole, cantine, ed enoteche che, cogliendo appieno lo spirito di questa iniziativa hanno aderito con entusiasmo fornendo materiali e bottiglie, con lo stesso desiderio di condivisione con il quale queste verranno offerte in degustazione al pubblico nella giornata conclusiva della manifestazione.

E un particolare riconoscimento lo devo al mio compagno, Peppe, che mi ha più che supportata e sopportata nei pochi ma intensi giorni di lavoro, incoraggiandomi a seguitarlo nel tempo contemplando la possibilità di estenderlo anche ad altri prodotti del territorio e suggerendomi di invitare già da adesso le aziende che vorranno coadiuvarmi in questo a contattarmi.

Sarà possibile visitare i presepi in esposizione da Sabato 21 Dicembre al 29 Dicembre 2013 dalle ore 17.00 alle 21.00 e votare i presepi in gara nelle giornate dal 3 al 5 Gennaio 2014.

I personaggi:

- San Giuseppe, “Lu Patri” , Azienda Vitivinicola Cristo Di Campobello

- Maria di Nazareth, “La Monaca”, Azienda Vitivinicola Salier De La Tour

- Gesù bambino, “Benedè”, Azienda Vitivinicola Alessandro di Camporeale

- Arcangelo Gabriele, “LaLuci”, Azienda Vitivinicola Cristo di Campobello

- Gaspare, “Vrucara”, Azienda Vitivinicola Feudo Montoni

- Melchiorre, “Noblesse”, Azienda Vitivinicola Benanti

- Baldassarre, “Kaid”, Azienda Vitivinicola Alessandro di Camporeale

- Nobil donna, “Bianco di Caselle”, Azienda Vitivinicola Benanti

- Pastorello, “CdC”, Azienda Vitivinicola Cristo di Campobello

- Pastorella, “Donnatà”, Azienda Vitivinicola Alessandro di Camporeale

- Pastorella al pozzo, “Etna Bianco”, Azienda Vitivinicola Aìtala

- Pastorello al pozzo, “Etna Rosso”, Azienda Vitivinicola Aìtala

- Pastorello, “LuSirà”, Azienda Vitivinicola Cristo di Campobello

- Pastorella,“Serra della Contessa”, Azienda Vitivinicola Benanti

- Pastorello pigro, “Vigna Lagnusa”, Azienda Vitivinicola Feudo Montoni

I materiali sono stati offerti da Pasquale Lombardo e Michele Puleo, dell'Enoteca Letteraria VinoDivino di Piazza Sant'Oliva a Palermo.

Tutte le foto dell'articolo e dell'album sono di Laura Case.



 



Valutazione CucinArtusi.it in "artusini":




Schede e indirizzi utili:


    Tags:

     

    Su questo sito web si può liberamente leggere
    e spero che possiate anche imparare qualcosa di nuovo,
    ma una cosa vi raccomando: non rubate materiali e idee,
    non rubate per rispetto del lavoro altrui,
    non rubate perchè perdereste l'onestà,
    non rubate perchè diventereste dei ladri,
    non rubate perchè i furti non si possono nascondere a lungo,
    non rubate perchè tanto non riuscirete mai a copiare l'originale,
    non rubate perchè ciò non indica mai furbizia, ma tanta inettitudine
    e chi ruba anche una sola volta sarà ladro e inetto per sempre.
    -------
    Il materiale presente all'interno di questo sito è frutto originale
    del suo autore ed è quindi protetto da copyright.
    E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione di CucinArtusi.it.
    Tutte le valutazioni espresse nel sito sono da considerarsi
    libere opinioni dell'autore delle stesse.

    Licenza Creative Commons
    CucinArtusi.it by Maurizio Artusi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

    Facebook

    Twitter

    YouTube

    Cerca produttori

    Il video di CucinArtusi.it