gototopgototop

Maurizio Artusi
Sprigioniamo sapori al Pagliarelli di PalermoPDFStampaE-mail
Giovedì 20 Giugno 2019 11:04
Scritto da Maurizio Artusi


Vai a: aggiornamenti, valutazioni, schede, indirizzi e riferimenti dell'articolo

Sprigioniamo sapori 2019 01Cinque delle otto "alunne" di "Sprigioniamo sapori"L’Associazione I.D.E.A., in collaborazione con il C.C. “Pagliarelli - Antonio Lorusso”, e i partner Pasticceria CappelloAssociazione Orizzonti Onlus, lo scorso Gennaio 2019 ha avviato il progetto denominato “Sprigioniamo sapori”, finanziato nell’ambito dell'Avviso 10/2016, dal Dipartimento Regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali della Sicilia. In breve, tale progetto si pone l'obiettivo di assegnare alle attuali 8 partecipanti selezionate tra le detenute del carcere palermitano, un vero e proprio attestato di qualifica professionale di pasticcere. Ho personalmente conosciuto le speciali alunne lo scorso 12 Giugno 2019 e ho anche visto e assaggiato quello che dopo solo tre mesi di corso sono state già in grado di preparare, dividendo a metà i meriti tra loro e gli eccezionali docenti, non ho dubbi che a fine anno 2019 avremo 8 brave pasticcere in più, presto libere di recuperare il tempo perduto. A proposito di docenti, durante la presentazione del progetto alla stampa ho infatti incontrato i Maestri Pasticceri Salvatore Cappello, Giovanni Catalano e Pietro Pupillo, praticamente tra il massimo disponibile nel settore della formazione pasticcera in città.

Sprigioniamo sapori 2019 02I docenti di pasticceria Pupillo, Cappello, e CatalanoIl progetto è nato da un’idea del Maestro Giovanni Cappello, figlio di Salvatore, che in qualità di esperto conoscitore della tradizione pasticcera palermitana e siciliana in generale, ha pensato alla possibilità di riportare in auge la produzione artigianale di determinati prodotti dolciari (scorza del cannolo, torrone, pupa di zucchero, pasta reale, unendovi l'obiettivo di sostenere l’inclusione sociale e rafforzare l’occupabilità delle persone in condizione di particolare svantaggio, come i soggetti in esecuzione di pena, ma il corso non tratterà solo la tradizione, si spingerà infatti nel campo delle torte moderne e della panificazione e sta già fornendo anche nozioni relative a gestione del magazzino, informatica e marketing.

"Sprigioniamo sapori" però non rimarrà la solita cattedrale nel deserto, infatti sono previsti anche altri corsi, anche se più brevi poichè più mirati, destinati stavolta alla popolazione carceraria maschile, in modo da allargare le possibilità di recupero di più vite possibile.

Sprigioniamo sapori 2019 03Secondo da sinistra: Fiscelli, in piedi Francesca VazzanaQuesto è il succo della presentazione del progetto avvenuto all'interno del teatro della struttura di detenzione alla presenza dei diversi attori coinvolti: Francesca Vazzana, Direttrice del Pagliarelli, Fabrizio Fiscelli, Presidente dell'Associazione I.D.E.A. ed ovviamente tutti gli altri soggetti coinvolti, compresi i docenti e le alunne, nonchè con insoliti spettatori selezionati tra la locale popolazione carceraria.

Qualcuno però potrebbe pensare che per poter accedere gratuitamente a questi corsi, particolarmente ambiti grazie ai qualificati docenti, bisogna commettere qualche reato! Bene, posso garantire che non ce n'è bisogno, infatti nei mesi di attività della scuola annessa alla Pasticceria Cappello e gestita da Giovanni, periodicamente se ne svolgono parecchi e a prezzi molto abbordabili, per cui comunque... rigare dritto conviene sempre!

2019-06-12 Sprigioniamo sapori al PagliarelliALBUM E DOWNLOAD FOTO

 



Valutazione CucinArtusi.it in "artusini":




Schede e indirizzi utili:


Tags: